Il Canzoniere - parla

Cos LAUdare et REverire insegna
la voce stessa, pur ch'altri vi chiami,
o d'ogni reverenza et d'onor degna:
se non che forse Apollo si disdegna
ch'a parlar de' suoi sempre verdi rami
lingua mortal presumptosa vegna.
(Canto 5 vv. 9 e segg.)


Cos lungo l'amate rive andai,
che volendo parlar, cantava sempre
merc chiamando con estrania voce;
n mai in s dolci o in s soavi tempre
risonar seppi gli amorosi guai,
che 'l cor s'umilasse aspro et feroce.
(Canto 23 vv. 61 e segg.)
Qual fu a sentir? ch 'l ricordar mi coce:
ma molto pi di quel, che per inanzi
de la dolce et acerba mia nemica
bisogno ch'io dica,
bench sia tal ch'ogni parlare avanzi.
(Canto 23 vv. 67 e segg.)
Ella parlava s turbata in vista,
che tremar mi fea dentro a quella petra,
udendo: I' non son forse chi tu credi.
(Canto 23 vv. 81 e segg.)
Giovene donna sotto un verde lauro
vidi pi biancha et pi fredda che neve
non percossa dal sol molti et molt'anni;
e 'l suo parlare, e 'l bel viso, et le chiome
mi piacquen s ch'i' l' dinanzi agli occhi,
ed avr sempre, ov'io sia, in poggio o 'n riva.
(Canto 30 vv. 1 e segg.)
I' dico a' miei pensier': Non molto andremo
d'amor parlando omai, ch 'l duro et greve
terreno incarco come frescha neve
si va struggendo; onde noi pace avremo:
perch co llui cadr quella speranza
che ne fe' vaneggiar s lungamente,
e 'l riso e 'l pianto, et la paura et l'ira;
s vedrem chiaro poi come sovente
per le cose dubbiose altri s'avanza,
et come spesso indarno si sospira.
(Canto 32 vv. 5 e segg.)
Et perch un poco nel parlar mi sfogo,
veggio la sera i buoi tornare sciolti
da le campagne et da' solcati colli:
i miei sospiri a me perch non tolti
quando che sia? perch no 'l grave giogo?
perch d et notte gli occhi miei son molli?
Misero me, che volli
quando primier s fiso
gli tenni nel bel viso
per iscolpirlo imaginando in parte
onde mai n per forza n per arte
mosso sar, fin ch'i' sia dato in preda
a chi tutto diparte!
N so ben ancho che di lei mi creda.
(Canto 50 vv. 57 e segg.)
Poi che, securo me di tali inganni,
fece di dolce s spietato legno,
i' rivolsi i pensier' tutti ad un segno,
che parlan sempre de' lor tristi danni.
(Canto 60 vv. 5 e segg.)
Ella non degna di mirar s basso
che di nostre parole
curi, ch 'l ciel non vle,
al qual pur contrastando i' son gi lasso:
onde, come nel cor m'induro e n'aspro,
cos nel mio parlar voglio esser aspro.
(Canto 70 vv. 25 e segg.)
Non perch'io non m'aveggia
quanto mia laude 'ngiurosa a voi:
ma contrastar non posso al gran desio,
lo quale 'n me da poi
ch'i' vidi quel che pensier non pareggia,
non che l'avagli altrui parlar o mio.
(Canto 71 vv. 16 e segg.)
Nel cominciar credia
trovar parlando al mio ardente desire
qualche breve riposo et qualche triegua.
(Canto 73 vv. 16 e segg.)
Canzone, i' sento gi stancar la penna
del lungo et del dolce ragionar co llei,
ma non di parlar meco i pensier' mei.
(Canto 73 vv. 91 e segg.)
Questi son que' begli occhi che l'imprese
del mio signor victorose fanno
in ogni parte, et pi sovra 'l mio fianco;
questi son que' begli occhi che mi stanno
sempre nel cor colle faville accese,
per ch'io di lor parlando non mi stanco.
(Canto 75 vv. 9 e segg.)
I' mi riscossi; et ella oltra, parlando,
pass, che la parola i' non soffersi,
n 'l dolce sfavillar degli occhi suoi.
(Canto 111 vv. 9 e segg.)
Qui mi sto solo; et come Amor m'invita,
or rime et versi, or colgo herbette et fiori,
seco parlando, et a tempi migliori
sempre pensando: et questo sol m'aita.
(Canto 114 vv. 5 e segg.)
L'amar m' dolce, et util il mio danno,
e 'l viver grave; et prego ch'egli avanzi
l'empia Fortuna, et temo no chiuda anzi
Morte i begli occhi che parlar mi fanno.
(Canto 118 vv. 5 e segg.)
Dolci rime leggiadre
che nel primiero assalto
d'Amor usai, quand'io non ebbi altr'arme,
chi verr mai che squadre
questo mio cor di smalto
ch'almen com'io solea possa sfogarme?
Ch'aver dentro a lui parme
un che madonna sempre
depinge et de lei parla:
a voler poi ritrarla
per me non basto, et par ch'io me ne stempre.
(Canto 125 vv. 27 e segg.)
Ma pur quanto l'istoria trovo scripta
in mezzo 'l cor (che s spesso rincorro)
co la sua propria man de' miei martiri,
dir, perch i sospiri
parlando n triegua, et al dolor soccorro.
(Canto 127 vv. 7 e segg.)
Italia mia, bench 'l parlar sia indarno
a le piaghe mortali
che nel bel corpo tuo s spesse veggio,
piacemi almen che ' miei sospir' sian quali
spera 'l Tevero et l'Arno,
e 'l Po, dove doglioso et grave or seggio.
(Canto 128 vv. 1 e segg.)
Quand'io v'odo parlar s dolcemente
com'Amor proprio a' suoi seguaci instilla,
l'acceso mio desir tutto sfavilla,
tal che 'nfiammar devria l'anime spente.
(Canto 143 vv. 1 e segg.)
Ite, dolci penser', parlando fore
di quello ove 'l bel guardo non s'estende:
se pur sua asprezza o mia stella n'offende,
sarem fuor di speranza et fuor d'errore.
(Canto 153 vv. 5 e segg.)
Per divina bellezza indarno mira
chi gli occhi de costei gi mai non vide
come soavemente ella gli gira;
non sa come Amor sana, et come ancide,
chi non sa come dolce ella sospira,
et come dolce parla, et dolce ride.
(Canto 159 vv. 9 e segg.)
Amor et io s pien' di meraviglia
come chi mai cosa incredibil vide,
miriam costei quand'ella parla o ride
che sol se stessa, et nulla altra, simiglia.
(Canto 160 vv. 1 e segg.)
Se 'l dolce sguardo di costei m'ancide,
et le soavi parolette accorte,
et s'Amor sopra me la fa s forte
sol quando parla, over quando sorride,
lasso, che fia, se forse ella divide,
o per mia colpa o per malvagia sorte,
gli occhi suoi da Merc, s che di morte,
l dove or m'assicura, allor mi sfide?
Per s'i' tremo, et vo col cor gelato,
qualor veggio cangiata sua figura,
questo temer d'antiche prove nato.
(Canto 183 vv. 1 e segg.)
Ch d'Omero dignissima et d'Orpheo,
o del pastor ch'anchor Mantova honora,
ch'andassen sempre lei sola cantando,
stella difforme et fato sol qui reo
commise a tal che 'l suo bel nome adora,
ma forse scema sue lode parlando.
(Canto 187 vv. 9 e segg.)
Dolci ire, dolci sdegni et dolci paci,
dolce mal, dolce affanno et dolce peso,
dolce parlare, et dolcemente inteso,
or di dolce ra, or pien di dolci faci:
alma, non ti lagnar, ma soffra et taci,
et tempra il dolce amaro, che n' offeso,
col dolce honor che d'amar quella i preso
a cui io dissi: Tu sola mi piaci.
(Canto 205 vv. 1 e segg.)
Amor s' in lei con Honestate aggiunto,
con belt naturale habito adorno,
et un atto che parla con silentio,
et non so che nelli occhi, che 'n un punto
p far chiara la notte, oscuro il giorno,
e l' ml amaro, et addolcir l'assentio.
(Canto 215 vv. 9 e segg.)
Due rose fresche, et colte in paradiso
l'altrier, nascendo il d primo di maggio,
bel dono, et d'un amante antiquo et saggio,
tra duo minori egualmente diviso
con s dolce parlar et con un riso
da far innamorare un huom selvaggio,
di sfavillante et amoroso raggio
et l'un et l'altro fe' cangiare il viso.
(Canto 245 vv. 1 e segg.)
Deposta avea l'usata leggiadria,
le perle et le ghirlande et i panni allegri,
e 'l riso e 'l canto e 'l parlar dolce humano.
(Canto 249 vv. 9 e segg.)
Far potess'io vendetta di colei
che guardando et parlando mi distrugge,
et per pi doglia poi s'asconde et fugge,
celando gli occhi a me s dolci et rei.
(Canto 256 vv. 1 e segg.)
Meravigliomi ben s'alcuna volta,
mentre le parla et piange et poi l'abbraccia,
non rompe il sonno suo, s'ella l'ascolta.
(Canto 256 vv. 12 e segg.)
Ivi 'l parlar che nullo stile aguaglia,
e 'l bel tacere, et quei cari costumi,
che 'ngegno human non p spiegar in carte;
l'infinita belleza ch'altrui abbaglia,
non vi s'impara: ch quei dolci lumi
s'acquistan per ventura et non per arte.
(Canto 261 vv. 9 e segg.)
L'un penser parla co la mente, et dice:
- Che pur agogni? onde soccorso attendi?
Misera, non intendi
con quanto tuo disnore il tempo passa?
Prendi partito accortamente, prendi;
e del cor tuo divelli ogni radice
del piacer che felice
nol p mai fare, et respirar nol lassa.
(Canto 264 vv. 19 e segg.)
Poi che fia l'alma de le membra ignuda,
non p questo desio pi venir seco;
ma se 'l latino e 'l greco
parlan di me dopo la morte, un vento:
ond'io, perch pavento
adunar sempre quel ch'un'ora sgombre,
vorre' 'l ver abbracciar, lassando l'ombre.
(Canto 264 vv. 66 e segg.)
Oim il bel viso, oim il soave sguardo,
oim il leggiadro portamento altero;
oim il parlar ch'ogni aspro ingegno et fero
facevi humile, ed ogni huom vil gagliardo!
et oim il dolce riso, onde usco 'l dardo
di che morte, altro bene omai non spero:
alma real, dignissima d'impero,
se non fossi fra noi scesa s tardo!
Per voi conven ch'io arda, e 'n voi respire,
ch'i' pur fui vostro; et se di voi son privo,
via men d'ogni sventura altra mi dole.
(Canto 267 vv. 1 e segg.)
Donne, voi che miraste sua beltate
et l'angelica vita
con quel celeste portamento in terra,
di me vi doglia, et vincavi pietate,
non di lei ch' salita
a tanta pace, et m' lassato in guerra:
tal che s'altri mi serra
lungo tempo il camin da seguitarla,
quel ch'Amor meco parla,
sol mi ritien ch'io non recida il nodo.
(Canto 268 vv. 56 e segg.)
Poi che la vista angelica, serena,
per sbita partenza in gran dolore
lasciato l'alma e 'n tenebroso horrore,
cerco parlando d'allentar mia pena.
(Canto 276 vv. 1 e segg.)
L'acque parlan d'amore, et l'ra e i rami
et gli augelletti et i pesci e i fiori et l'erba,
tutti inseme pregando ch'i' sempre ami.
(Canto 280 vv. 9 e segg.)
Et se come ella parla, et come luce,
ridir potessi, accenderei d'amore,
non dir d'uom, un cor di tigre o d'orso.
(Canto 283 vv. 12 e segg.)
N mai pietosa madre al caro figlio
n donna accesa al suo sposo dilecto
die' con tanti sospir', con tal sospetto
in dubbio stato s fedel consiglio,
come a me quella che 'l mio grave exiglio
mirando dal suo eterno alto ricetto,
spesso a me torna co l'usato affecto,
et di doppia pietate ornata il ciglio:
or di madre, or d'amante; or teme, or arde
d'onesto foco; et nel parlar mi mostra
quel che 'n questo vaggio fugga o segua,
contando i casi de la vita nostra,
pregando ch'a levar l'alma non tarde:
et sol quant'ella parla, pace o tregua.
(Canto 285 vv. 1 e segg.)
Se quell'aura soave de' sospiri
ch'i' odo di colei che qui fu mia
donna, or in cielo, et anchor par qui sia,
et viva, et senta, et vada, et ami, et spiri,
ritrar potessi, or che caldi desiri
movrei parlando! s gelosa et pia
torna ov'io son, temendo non fra via
mi stanchi, o 'ndietro o da man manca giri.
(Canto 286 vv. 1 e segg.)
Gli occhi di ch'io parlai s caldamente,
et le braccia et le mani et i piedi e 'l viso,
che m'avean s da me stesso diviso,
et fatto singular da l'altra gente;
le crespe chiome d'r puro lucente
e 'l lampeggiar de l'angelico riso,
che solean fare in terra un paradiso,
poca polvere son, che nulla sente.
(Canto 292 vv. 1 e segg.)
Morta colei che mi facea parlare,
et che si stava de' pensier' miei in cima,
non posso, et non pi s dolce lima,
rime aspre et fosche far soavi et chiare.
(Canto 293 vv. 5 e segg.)
Soleano i miei penser' soavemente
di lor obgetto ragionare inseme:
- Piet s'appressa, e del tardar si pente;
forse or parla di noi, o spera, o teme. -
Poi che l'ultimo giorno et l'ore extreme
spoglir di lei questa vita presente,
nostro stato dal ciel vede, ode et sente:
altra di lei non rimaso speme.
(Canto 295 vv. 1 e segg.)
L'atto soave, e 'l parlar saggio humile
che movea d'alto loco, e 'l dolce sguardo
che piagava il mio core (anchor l'acenna),
sono spariti; et s'al seguir son tardo,
forse averr che 'l bel nome gentile
consecrer con questa stanca penna.
(Canto 297 vv. 9 e segg.)
Quel foco morto, e 'l copre un picciol marmo:
che se col tempo fossi ito avanzando
(come gi in altri) infino a la vecchiezza,
di rime armato, ond'oggi mi disarmo,
con stil canuto avrei fatto parlando
romper le pietre, et pianger di dolcezza.
(Canto 304 vv. 9 e segg.)
Ahi Morte ria, come a schiantar se' presta
il frutto de molt'anni in s poche hore!
Pur vivendo veniasi ove deposto
in quelle caste orecchie avrei parlando
de' miei dolci pensier' l'antiqua soma;
et ella avrebbe a me forse resposto
qualche santa parola sospirando,
cangiati i volti, et l'una et l'altra coma.
(Canto 317 vv. 7 e segg.)
Poi che crescendo in tempo et in virtute,
giunse a la terza sua fiorita etate,
leggiadria n beltate
tanta non vide 'l sol, credo, gi mai:
li occhi pien' di letitia et d'onestate,
e 'l parlar di dolcezza et di salute.
(Canto 325 vv. 91 e segg.)
Ove condutto il mio amoroso stile?
A parlar d'ira, a ragionar di morte.
(Canto 332 vv. 13 e segg.)
Onde quant'io di lei parlai n scrissi,
ch'or per lodi anzi a Dio preghi mi rende,
fu breve stilla d'infiniti abissi:
ch stilo oltra l'ingegno non si stende;
et per aver uom li occhi nel sol fissi,
tanto si vede men quanto pi splende.
(Canto 339 vv. 9 e segg.)
Da' pi belli occhi, et dal pi chiaro viso
che mai splendesse, et da pi bei capelli,
che facean l'oro e 'l sol parer men belli,
dal pi dolce parlare et dolce riso,
da le man', da le braccia che conquiso
senza moversi avrian quai pi rebelli
fur d'Amor mai, da' pi bei piedi snelli,
da la persona fatta in paradiso,
prendean vita i miei spirti: or n' diletto
il Re celeste, i Suoi alati corrieri;
et io son qui rimaso ignudo et cieco.
(Canto 348 vv. 1 e segg.)
Dolci durezze, et placide repulse,
piene di casto amore et di pietate;
leggiadri sdegni, che le mie infiammate
voglie tempraro ( or me n'accorgo), e 'nsulse;
gentil parlar, in cui chiaro refulse
con somma cortesia somma honestate;
fior di vert, fontana di beltate,
ch'ogni basso penser del cor m'avulse;
divino sguardo da far l'uom felice,
or fiero in affrenar la mente ardita
a quel che giustamente si disdice,
or presto a confortar mia frale vita:
questo bel varar fu la radice
di mia salute, ch'altramente era ita.
(Canto 351 vv. 1 e segg.)
I' non so se le parti sarian pari,
ch quella cui tu piangi forse in vita,
di ch'a me Morte e 'l ciel son tanto avari;
ma la stagione et l'ora men gradita,
col membrar de' dolci anni et de li amari,
a parlar teco con piet m'invita.
(Canto 353 vv. 9 e segg.)
Son questi i capei biondi, et l'aureo nodo,
- dich'io - ch'ancor mi stringe, et quei belli occhi
che fur mio sol? Non errar con li sciocchi,
n parlar - dice - o creder a lor modo.
(Canto 359 vv. 56 e segg.)




Il Canzoniere di Francesco Petrarca
Indice generale

Sinonimi

parla
parlai
parlan
parlan di me dopo la morte, un vento:
parlando
parlando n triegua, et al dolor soccorro.
parlar
parlare
parlava
parli
parlo
parlo in rime aspre, et di dolcezza ignude:
parme
Parme d'udirla, udendo i rami et l're
parmel
parmel veder quando si volge altrove
parmi
parmi pur ch'a' tuoi d la gratia tocchi.
parmi qual esser sle,
parmi vedere Amore
parmi vedere in quella etate acerba
parnaso
parola
parole
parolette


N.B.: Tutte le informazioni sono fornite su base "as is", senza alcuna garanzia riguardo alla loro esattezza.




prima pensai, fin ch'a lo svelto alloro prima poria per tempo venir meno primavera primavera per me pur non mai. prime
Un canto a caso